CAVI CPR: IL CEI “CANCELLA” LA NOTA INTRODOTTA DALLA VARIANTE V4 ALLA NORMA CEI 64-8 (2012)

IMPIANTI, Impiantistica
  • Home    
  • CAVI CPR: IL CEI “CANCELLA” LA NOTA...

Informiamo che nella riunione del Gruppo Consultivo del CT 64 svoltosi lo scorso 4 dicembre, il CEI ha finalmente risolto la limitazione all’uso dei cavi “non CPR” introdotta dalla Variante V4 alla norma CEI 64-8 (2012). Sui cavi era sorta grande confusione ingenerata dall’emanazione della citata norma CEI che erroneamente, rispetto alle indicazioni di legge, poneva al 31 dicembre 2017 la data limite di utilizzo dei cavi cosiddetti CPR subordinata anche alla data di progettazione dell’intervento.

 

Gli installatori possono utilizzare i cavi non CPR purché vi sia evidenza che sono stati immessi sul mercato prima del 1 luglio 2017.  In merito alle norme tecniche del CEI è sempre importante ricordare che sono strumenti volontari di presunzione di regola dell’arte. La precisazione di “presunzione di regola dell’arte” è molto importante: la Legge n. 186 del 01/03/1968 all’art. 2 afferma proprio che se opera in accordo alle norme tecniche volontarie del CEI per componenti attrezzature ed impianti elettrici, queste realizzazioni si considerano a regola dell’arte. Viceversa, un progettista o installatore potrebbe sempre distaccarsi dalle norme tecniche del CEI avendo poi l’onere di dimostrare che l’impianto o componente sia a regola d’arte.

 

 

Per informazioni:
Ufficio Aree di Mestiere – Marco Trussardi (tel. 035.274.355; e-mail: marco.trussardi@artigianibg.com).

 

Per vedere le altre notizie sul tuo settore CLICCA QUI

 

 

Categorie delle News


CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO p.iva 02351170168 - c.f. 80021250164 | Copyright ©