CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO HA RICEVUTO LA TARGA WHP

Attualità, Home, Vario
  • Home    
  • CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO HA...

Confartigianato Imprese Bergamo ha ricevuto nei giorni scorsi la targa per il primo anno di partecipazione a WHP (Workplace Health Promotion) – “Luoghi di lavoro che promuovono la salute”, il programma patrocinato a livello europeo e realizzato da ATS Bergamo.

L’Associazione di rappresentanza punto di riferimento per le imprese artigiane e le PMI bergamasche si è infatti accreditata anche come organizzazione che promuove e sostiene la salute e il benessere nei luoghi di lavoro.

 

EVID_targa-whp

Il regolamento del programma prevede che gli aderenti pongano in essere annualmente delle buone pratiche che si riferiscano ad almeno due delle seguenti 6 aree tematiche: alimentazione, contrasto al fumo, attività fisica, sicurezza stradale, alcol e dipendenze, benessere.

Nel suo primo anno di adesione al programma, Confartigianato Imprese Bergamo ha deciso di introdurre nella propria vita aziendale delle iniziative legate ai due ambiti dell’alimentazione e del benessere.

 

 

 

 

Per l’ambito della promozione di un’alimentazione che tuteli la salute, Confartigianato ha previsto:

  • l’inserimento nei distributori automatici presso le sedi di Bergamo e Treviglio di salubri alternative alle merendine (almeno il 30%) e l’esposizione di cartelli riportanti la piramide alimentare o il decalogo per un’alimentazione sana;
  • la sottoscrizione di una convenzione con una nutrizionista abilitata che prevede tariffe scontate per i dipendenti;
  • un incontro di formazione del personale con esperti qualificati in materia di alimentazione;
  • la diffusione di informazioni rivolte ai dipendenti su una corretta alimentazione, attraverso manifesti e comunicazioni allegate alle buste paga.

 

Per l’ambito della promozione del benessere personale e sociale e della conciliazione vita-lavoro, le buone pratiche hanno riguardato:

  • benefit aziendali: quali il rimborso di spese sanitarie, ticket e spese per donne in gravidanza attraverso l’adesione a San.Arti; convenzioni con un broker assicurativo per piani di accumulo, pacchetti per malattia, morte, invalidità; convenzioni con strutture benessere del territorio, farmacie, negozi;
  • interventi in ambito di organizzazione del lavoro: flessibilità orario di lavoro; part-time temporaneo e revocabile;
  • servizi di time saving: gestione in orario di lavoro dei modelli 730 a cura di personale specializzato senza aggravio di costi per il dipendente;
  • su richiesta del personale, dotazione per 10 sedi di un dispositivo per raffrescare e depurare l’acqua;
  • fornitura a ciascun dipendente di una tazza personalizzata (eco-sostenibile rispetto ai bicchieri usa e getta) unitamente a una campagna di informazione sull’importanza del consumo di acqua, con materiale informativo allegato in busta paga.
  • organizzazione di un evento conviviale il giorno di Santa Lucia con l’apertura della sede principale ai figli dei dipendenti che hanno potuto visitare i luoghi di lavoro e festeggiare insieme ai genitori lo scambio degli auguri natalizi.
  • durante l’evento di santa Lucia è stata promossa l’adesione alle iniziative: • “Regalati un sorriso” con raccolta benefica di giocattoli fra i dipendenti ed invio ad una onlus; • progetto “Quasi a casa” dell’associazione “Con Giulia Onlus” che prevede, in collaborazione con il reparto oncologico pediatrico dell’Ospedale Papa Giovanni di Bergamo, una borsa di studio per un infermiere professionale che svolga assistenza domiciliare ai piccoli malati oncologici.

 

“Con questo primo anno di Whp abbiamo voluto rafforzare e dare visibilità alle attività che stiamo attuando da diversi anni – ha detto il presidente Giacinto Giambellini –. Siamo infatti convinti che promuovere la salute negli ambienti di lavoro e migliorare il benessere dei lavoratori e delle loro famiglie, faccia crescere il livello di soddisfazione del personale e porti al miglioramento del clima aziendale, con conseguente aumento del senso di appartenenza e crescita della responsabilità nel processo produttivo. Per ottenere questi risultati però è necessario impegnarsi congiuntamente, datori di lavoro e lavoratori, in modo che tutti siano coinvolti e lavorino insieme per un obiettivo comune”.

 

EVID_whp-tazza-confartigianato

Il riconoscimento è frutto del coinvolgimento di tutti i dipendenti di Confartigianato Imprese Bergamo grazie all’impegno di un team di lavoro guidato dal past president di Confartigianato Imprese Bergamo, Angelo Carrara, delegato nazionale al welfare, e che comprende la responsabile delle Risorse Umane Sabrina Galizzi, gli RLS (rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza) di Confartigianato Imprese Bergamo Giorgio Marchesi e Simone Ciaccio, l’RLS di Confiab Giovanni Agazzi, l’RLS di Formart Marco Martinelli, il rappresentante della commissione di dialogo Gianfranco Villa.

Col team collaborano anche la responsabile WHP della società Educ.a. Cristina Uccelli e la referente dell’Ats per Whp Paola Facchinetti.

 

 

“Spero che anche le piccole aziende artigiane si avvicinino a questo progetto – ha concluso Giambellini –  considerato che non è indispensabile essere imprese di grandi dimensioni per aderire e mettere in pratica le buone azioni richieste. Infatti l’adesione è gratuita e nella maggior parte dei casi la realizzazione delle buone pratiche non comporta costi diretti. I benefici per le aziende aderenti sono il miglioramento del clima aziendale e l’aumento della produttività”.

 

Per saperne di più vai sul sito del Progetto WHP https://retewhpbergamo.org/

 

Categorie delle News


CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO p.iva 02351170168 - c.f. 80021250164 | Copyright ©