IMPRESA 4.0: I CONTENUTI DEL SEMINARIO. ONLINE LE SLIDES

Attualità, Eventi, Innovazione e Competitività, Tutti i mestieri
  • Home    
  • IMPRESA 4.0: I CONTENUTI DEL SEMINARIO....

Convegno_impresa_4-0_1

 

Grande partecipazione al seminario dal titolo “Come diventare Impresa 4.0. Tutte le opportunità e le agevolazioni previste dalla normativa”, che si è tenuto lo scorso 11 luglio, nella sede di Confartigianato Imprese Bergamo.

Obiettivo dell’incontro è stato quello di illustrare alle imprese i contenuti del «Piano nazionale Industria 4.0» lanciato dal Ministero per lo Sviluppo Economico, che prevede fondi e incentivi ad hoc per le imprese che decidono di investire nella digitalizzazione e nell’integrazione tra funzioni e macchinari aziendali e reti informatiche, per ottimizzare la produzione e l’organizzazione aziendale.

 

L’incontro è stato aperto dal saluto del presidente Giacinto Giambellini che ha sottolineato come Confartigianato si stia impegnando molto su questo tema. “Stiamo cercando di fare in modo che il Piano Industria 4.0 sia a vero beneficio delle imprese che noi rappresentiamo – ha detto -, soprattutto delle imprese di piccole dimensioni. Sicuramente è uno strumento importante per far ripartire l’economia di un Paese che ha necessità e voglia di ripartire”.

 

Di seguito gli interventi dei relatori.

Il responsabile nazionale delle strategie digitali di Confartigianato nazionale, Paolo Manfredi, è entrato nel dettaglio del Piano nazionale Industria 4.0 (scarica le slides). “Industria 4.0  – ha detto – è innanzitutto una visione. Una modalità di organizzare beni e servizi che fa leva sull’integrazione degli impianti con le tecnologie digitali. Oggi le tecnologie hanno un costo di accesso sempre più basso e questo facilita le piccole imprese. Inoltre per la prima volta dopo tanti anni si torna a parlare di manifattura, questo significa che anche il Governo crede che la manifattura, e quindi il nostro lavoro, sia il futuro del nostro Paese”.

Manfredi ha anche sottolineato come sia cambiato il modo di produrre nel mercato mondiale. “Sta cambiando il paradigma – ha spiegato -: da un mondo in cui erano fondamentali i volumi (propri del sistema fordista) siamo passati all’economia del “su misura”, del personalizzato. Il mondo cambia perché cambiano le priorità del mercato. Una volta si diceva che gli artigiani erano un problema perché non facevano grandi quantità… ma oggi invece gli artigiani risolvono, perché fanno personalizzazioni, risolvono i problemi, creano oggetti su misura”.

 

Di seguito il direttore di Bergamo Sviluppo Cristiano Arrigoni ha illustrato il ruolo istituzionale della Camera di Commercio e di Bergamo Sviluppo in quest’ambito (scarica le slides). Arrigoni ha precisato che Industria 4.0 passa attraverso il rafforzamento delle competenze. Il piano Calenda prevede infatti una rete di soggetti attivi sulla digitalizzazione e sopratutto sulla formazione. I “Punti di Impresa Digitale” saranno i punti di sensibilizzazione per la diffusione locale della conoscenza, mentre i “Digital Innovation Hub” saranno i punti di accompagnamento delle imprese, cosi come i “Competence Center”, centri di innovazione avanzata.

 

Intervento centrale del seminario è stato quello dell’amministratore delegato della società «Centro Software» Lorenzo Battaglini che è entrato nel tecnico, spiegando come sia possibile accedere a queste opportunità (scarica le slides). “All’interno di questa cornice – ha detto – ogni azienda deve avere chiari gli obiettivi di medio e lungo periodo, così come avere chiari anche alcuni investimenti che abbiano un ritorno veloce. Soprattutto prima di procedere a questi cambiamenti occorre avere una strategia e una giusta organizzazione aziendale. Non esistono infatti aziende piccole, medie o grandi, ma aziende con i processi organizzati o disorganizzati….  Oggi la sensoristica ha dei costi molto affrontabili: non è quindi un problema dimensionale, è solo un problema organizzativo. I sensori, per esempio, possono essere messi anche sulle macchine più vecchie in modo da metterle in rete con la struttura aziendale, per monitorarne il funzionamento e affrontare una manutenzione programmata. ”

 

Su questo tema ha portato la propria testimonianza Paolo Piccoli della Riverplast srl di Sovere,  azienda che quest’anno compie 30 anni e ha diverse sedi in Italia e in Romania. “Grazie a nuovi sistemi software abbiamo messo in rete i nostri cicli produttivi – ha detto -. Mobilità e interconnessione sono elementi che devono determinare la strategia delle imprese per il futuro. Un sistema ERP ( sistema gestionale integrato) aiuta ad essere interconnessi e più organizzati e soprattutto consente il rispetto delle procedure da parte di tutti. L’importante però è che tutto faccia parte di una strategia e non solo della volontà di cogliere gli incentivi pubblici”.

 

Francesco Spampatti del servizio Fiscale e Tributario ha poi approfondito gli incentivi del Superammortamento al 140% (per l’acquisizione di beni strumentali nuovi) , prorogato a tutto il 2017 e dell’Iperammortamento  al 250%, novità del 2017, che prevede anche la possibilità di una maggiorazione del 40% per acquisto di alcuni beni strumentali immateriali che la Legge di Bilancio 2017 mette a disposizione delle Pmi (scarica le slides) .

 

Prima del dibattito finale il direttore di Confartigianato Imprese Bergamo Stefano Maroni, moderatore dell’incontro, ha presentato il nuovo gruppo di lavoro di cui si è dotata Confartigianato Imprese Bergamo per fornire consulenza e assistenza alle imprese e ha illustrato il nuovo ruolo di Artilab, la bottega-laboratorio in via Borgo Palazzo avviata dal Movimento Giovani, che diverrà uno dei trenta “digital innovation hub” individuati da Confartigianato all’interno del progetto, dove verranno realizzati corsi, iniziative e attività di accompagnamento per lo sviluppo della cultura dell’Impresa 4.0 (scarica le slides) .

 

Il presidente Giambellini ha concluso ribadendo che la responsabilità di Confartigianato è anche dire alle imprese dove sta andando il mondo. “Oggi qui abbiamo avuto tanti spunti interessanti che riguardano tutti noi, sia che siamo un’impresa manifatturiera o meno. Ad esempio sappiamo che in un futuro non troppo lontano potremo mandare un dipendente in trasferta e, restando comodamente a casa, grazie alla realtà aumentata o alla tecnologia 3d, potremo vedere da remoto con i nostri occhi la problematica, decidere noi l’intervento da compiere e magari stampare il componente che serve. L’importante quindi è che ognuno di noi abbia potuto ascoltare e riportare dentro di sé quello che gli può servire per progettare il futuro della propria azienda. Gli uffici di Confartigianato Imprese Bergamo sono a disposizione per accompagnarlo e aiutarlo”.

 

 

CLICCA QUI per scaricare tutte le slides dell’incontro

 

 

 

Per ulteriori informazioni:

Sportello Impresa 4.0 (tel. 035.274.291 – 293; e-mail: impresa4.0@artigianibg.com).

 

 

Categorie delle News


CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO p.iva 02351170168 - c.f. 80021250164 | Copyright ©