DL SOSTEGNI, LE PRINCIPALI MISURE PER LE IMPRESE DELL’AREA BENESSERE

Acconciatori, Benessere, BENESSERE, Coronavirus, Estetiste, Lobby e rappresentanza
  • Home    
  • DL SOSTEGNI, LE PRINCIPALI MISURE PER...

È stato pubblicato sulla G.U. n.70 del 22 marzo 2021 il cosiddetto decreto “sostegni” (D.L. n. 41 del 22 marzo 2021) in cui sono contenute una serie di misure a sostegno dell’economia e delle imprese.

Nell’ambito del provvedimento, è stato – come richiesto da Confartigianato– superato il meccanismo dei codici ATECO, estendendo pertanto la platea dei fruitori del contributo a fondo perduto a tutte le imprese e lavoratori autonomi che nell’anno 2020 abbiano rilevato un calo di fatturato medio mensile non inferiore al 30% rispetto al 2019.

 

Di seguito segnaliamo le misure di maggiore interesse per le imprese del comparto del Benessere.

 

L’articolo 1 (Contributo a fondo perduto in favore degli operatori economici) prevede uno stanziamento di 11,15 miliardi di euro per il riconoscimento di un contributo a fondo perduto a favore di imprese e lavoratori autonomi a condizione che l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 sia inferiore almeno del 30 per cento rispetto all’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi del 2019.

L’ammontare del contributo è determinato in misura pari all’importo ottenuto applicando una percentuale alla differenza tra l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2020 e l’ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell’anno 2019.

Detta percentuale è fissata al:

  • 60% per i soggetti con ricavi non superiori a 100. 000 euro;
  • 50% per i soggetti con ricavi superiori a 100.000 euro e fino a 400.000 euro;
  • 40% per i soggetti con ricavi superiori a 400.000euro e fino a un 1 mln di euro;
  • 30% per i soggetti con ricavi superiori a 1.000.000 e  fino a 5 mln di euro;
  • 20% per i soggetti con ricavi superiori a  5 e fino a 10 mln di euro

con riferimento ai ricavi nel periodo d’imposta 2019.

È, in ogni caso, garantito un contributo minimo pari a 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per i soggetti diversi dalle persone fisiche, mentre è fissato un limite massimo all’importo del contributo pari a 150.000 euro.

Confartigianato, nel ritenere positiva la metodologia seguita per l’intervento ha giudicato assolutamente insufficiente lo stanziamento previsto per la misura (circa 11 miliardi di euro) rispetto all’ingente e straordinaria perdita di fatturato sofferta dalle imprese nel 2020 rispetto al 2019.

 

L’articolo 2 (Misure di sostegno ai Comuni a vocazione montana appartenenti a comprensori sciistici) stanzia 700 milioni di euro per l’anno 2021 in uno specifico

Fondo presso il MEF destinato alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano per la concessione di contributi in favore dei soggetti esercenti attività di impresa di vendita di beni o servizi al pubblico, svolte nei Comuni a vocazione montana appartenenti a comprensori sciistici.

 

L’articolo 3 (Fondo autonomi e professionisti) ha disposto l’incremento di 1.500 milioni di euro del Fondo per l’esonero dei contributi previdenziali dovuti dai lavoratori autonomi e dai professionisti portando quindi la dotazione complessiva per il 2021 a 2.500 milioni di euro.

La platea dei beneficiari è costituita dai lavoratori autonomi iscritti alle Gestioni previdenziali dell’Inps che abbiano percepito nel 2019 un reddito complessivo non superiore a 50.000 euro e subito un calo del fatturato o dei corrispettivi nel 2020 non inferiore al 33% rispetto a quelli del 2019.

 

Con l’articolo 4 (Proroga del periodo di sospensione della riscossione) è stato esteso al 30 aprile 2021 il periodo di sospensione del versamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da cartelle di pagamento, avvisi di addebito e avvisi di accertamento affidati all’Agente della riscossione (termine prima fissato al 28 febbraio).

Sono considerati validi i versamenti connessi alla Rottamazione ter e “Saldo e stralcio” se effettuati integralmente:

  • entro il 31 luglio 2021, per quanto riguarda le rate in scadenza il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre 2020;
  • entro il 30 novembre 2021, per quanto riguarda le rate in scadenza il 28 febbraio, il 31 marzo, il 31 maggio e il 31 luglio

Sono automaticamente annullati i debiti di importo residuo fino a 5.000 euro risultanti da singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dal 2000 al 2010 (anche se ricompresi nelle varie forme di rottamazione) delle persone fisiche che hanno conseguito, nel 2019, un reddito imponibile fino a 30.000 euro.

 

L’articolo 5 (Ulteriori interventi fiscali di agevolazione e razionalizzazione connessi all’emergenza Covid-19) prevede altresì la possibilità di definire in via agevolata le somme dovute a seguito del controllo automatizzato in relazione alle dichiarazioni relative ai periodi di imposta 2017 e 2018 per i soggetti con partita IVA attiva alla data di entrata in vigore del DL che hanno subito una riduzione maggiore del 30% del volume d’affari dell’anno 2020 rispetto al volume d’affari dell’anno precedente.

 

Taglio oneri in bolletta elettrica per le BT altri usi sono previsti dall’articolo 6, che destina 600 milioni di euro per la riduzione della spesa sostenuta dalle utenze elettriche connesse in bassa tensione diverse dagli usi domestici, attraverso i provvedimenti che ARERA dovrà adottare per intervenire sulle voci della bolletta interessate per il periodo decorrente dal 1° aprile al 30 giugno 2021. Anche tale misura, a differenza di quanto previsto a fine 2020 con la norma del DL Ristori, non fa riferimento ai codici ATECO, come da sollecitazioni confederali.

 

In materia di lavoro si segnala la proroga dell’assegno ordinario e della cassa integrazione in deroga per un periodo pari a 28 settimane, con la relativa assegnazione ai Fondi di solidarietà bilaterale, tra cui il Fondo dell’artigianato (FSBA), di uno stanziamento di 1.100 milioni di euro per l’anno 2021 per l’erogazione dell’assegno ordinario.

I trattamenti di cassa integrazione ordinaria con causale Covid-19 sono invece stati prorogati per un periodo pari a 13 settimane.

 

 

 

 

 

 

Per informazioni:
Aree di Mestiere  (tel. 035.274.311; e-mail: paola.caccia@artigianibg.com).

 

 

  • Contenuto non disponibile
    Clicca qui oppure su "Accetto" nel banner in cima alla pagina per visualizzare correttamente

Categorie delle News

CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO p.iva 02351170168 - c.f. 80021250164 | Copyright ©

Su questo sito utilizziamo cookies tecnici per fornire le funzionalità del sito e vogliamo utilizzare anche cookies analitici di terza parte per analizzare il nostro traffico e cookies di profilazione che ci servono per personalizzare i contenuti e fornire le funzioni dei social media. Questi ultimi sono disattivati a meno che l’utente non ne accetti l’utilizzo. Per avere più informazioni CLICCA QUI. Se sei d’accordo con l’attivazione dei cookies analitici e di profilazione clicca sul bottone “Acconsento” qui di fianco. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close