ELEZIONI POLITICHE 2018. LE PROPOSTE DI CONFARTIGIANATO PER TORNARE A CRESCERE

Archivio
  • Home    
  • ELEZIONI POLITICHE 2018. LE PROPOSTE DI...

Confartigianato nazionale ha diffuso sui principali quotidiani una campagna stampa diretta ai candidati delle elezioni del prossimo 4 marzo per sottolineare il ruolo e l’importanza delle piccole imprese, vera ossatura dell’economia del nostro Paese, e presentare le proposte di Confartigianato “per tornare a crescere”.

 

La più grande Organizzazione nazionale di rappresentanza dell’artigianato e delle piccole imprese ha infatti rimarcato che occorre ripartire dalle piccole imprese e dal valore artigiano che da sempre caratterizza la storia, la cultura e l’economia del nostro Paese, e che ancora oggi si fonda su un’unione indissolubile tra la tradizione manifatturiera e il futuro dell’innovazione tecnologica.

 

Lo dimostrano anche i numeri, visto che nel nostro Paese sono 4,3 milioni le piccole imprese fino a 50 addetti, pari al 99,4% del tessuto produttivo, che danno lavoro a 10,6 milioni di addetti, pari al 65,3% degli occupati. Di queste 4.136.831 sono Microimprese (fino a 10 addetti), pari al 95,4% del totale delle imprese.

 

Per tornare a crescere, bisogna quindi costruire un Paese “a misura” di piccola impresa: con leggi semplici e chiare, con un fisco leggero, un credito orientato alla competitività ed incentivi all’innovazione digitale, con una formazione che unisca scuola e lavoro, il sapere e il saper fare.

 

Fra le richieste di Confartigianato, quella di una nuova Legge quadro sull’artigianato che superi i vincoli di settore, dimensione e professione, una nuova legge per regolamentare la rappresentanza, una legge annuale delle MPMI che allinei tutte le misure di politica economica e sociale al principio europeo “Think Small First” ossia “Pensare innanzitutto al piccolo”.

 

Secondo la maggiore organizzazione nazionale per l’Artigianato e le Pmi, l’Italia del 2018-2023 potrà essere ancora un grande Paese europeo e occidentale, dentro l’Unione Europea e dentro l’Euro, se e soltanto se:

– il PIL riprenderà a crescere a ritmi più sostenuti rispetto ai competitor, trainato da innovazione tecnologica, esportazioni, consumi interni

– il debito pubblico verrà riportato sotto controllo, aumentando l’efficienza della pubblica amministrazione centrale e decentrata, con una giustizia civile e penale funzionante

– l’assetto dei poteri tra Stato e Territorio verrà riequilibrato, riducendo il divario Nord-Sud e rendendo l’ambiente amministrativo e istituzionale più efficiente, attento alle imprese, orientato all’innovazione.

 

LE PROPOSTE DI CONFARTIGIANATO PER LA PROSSIMA LEGISLATURA

Elenchiamo di seguito le proposte di Confartigianato per la prossima legislatura. I 5 punti sono dettagliati nel documento programmatico completo.

 

1) Ridurre la pressione fiscale e semplificare il sistema tributario per rendere più competitivo il Paese

2) Favorire l’accesso al credito delle imprese

3) Sostenere la crescita e la competitività

4) Proseguire e migliorare gli interventi per il Lavoro e la Formazione

5) Costruire un percorso di successo per Impresa 4.0 e l’utilizzo del digitale

 

Scarica il  documento programmatico completo CLICCA QUI

 

Scarica la campagna stampa pubblicata sui quotidiani CLICCA QUI

 

  • Contenuto non disponibile
    Clicca qui oppure su "Accetto" nel banner in cima alla pagina per visualizzare correttamente

Categorie delle News


CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO p.iva 02351170168 - c.f. 80021250164 | Copyright ©

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Cliccando su "Accetto" ne consentirai l'utilizzo. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close