ITALIA PRIMA IN UE PER PRESENZE TURISTICHE ESTIVE: 209 MILA LE IMPRESE ARTIGIANE INTERESSATE DALLA DOMANDA TURISTICA

Archivio
  • Home    
  • ITALIA PRIMA IN UE PER PRESENZE...

Negli ultimi dodici mesi (maggio 2017-aprile 2018) in Italia si contano 421 milioni presenze di turisti, valore che si colloca ai massimi storici degli ultimi dieci anni. Le presenze crescono del 3,2% rispetto ai dodici mesi precedenti trainate dall’aumento del 4,4% dei turisti stranieri (che rappresentano il 50,2% del totale delle presenze) mentre si ferma sul +2,0% la crescita dei residenti (che rappresentano il restante 49,8% del totale).

 

Grazie al patrimonio di 8.300 km di costa italiana con 644 comuni litoranei, un territorio montano pari ad oltre un terzo (35,2%) della superficie nazionale e 352 città di interesse storico e artistico, l’Italia si colloca al primo posto nell’Unione europea per presenze turistiche nel periodo estivo (giugno-settembre del 2017).

Dove il turismo è cresciuto di più negli ultimi anni. L’analisi in serie storica delle presenze turistiche – l’analisi valuta la dinamica della media dell’ultimo triennio 2015-2017 rispetto alla media del 2010-2012 – evidenzia una crescita del 6,4% rispetto al triennio precedente; la crescita è tutta determinata dalle presenze straniere (+15,4%) mentre quelle degli italiani sono in diminuzione (-1,1%). Tra le regioni il maggiore dinamismo è rilevato per la Basilicata (+24,6%), seguita da Lombardia (+17,2%), Sardegna (+16,4%), Piemonte (+13,2%), Provincia Autonoma Trento (+10,5%), Valle d’Aosta (9,6%) e Liguria (+9,0%); tra province di maggiore rilievo – con presenze turistiche superiori all’1,0% del totale nazionale – il tasso di crescita più elevato delle presenze turistiche si registra a Milano (+24,6%), che beneficia dell’”effetto Expo”; seguono con tassi a doppia cifra Napoli (+22,3%), Torino (+19,1%), Firenze (+18,3%), Padova (+17,1%), Verona (+15,8%), Brescia (+14,4%), Trento (+10,5%), Roma (+10,3%).

 

L’artigianato interessato dalla domanda turistica. Alla fine del I trimestre 2018 le imprese artigiane operanti in attività economica a vocazione turistica sono 209.076 e rappresentano il 15,9% dell’artigianato totale; per quest’ultima quota troviamo ai primi posti due regioni del Mezzogiorno cioè la Sicilia e la Campania con una incidenza dei settori a vocazione turistica sul totale dell’artigianato regionale pari rispettivamente al 22,2% ed al 21,2%. Seguono Toscana con il 19,7%, Calabria e Marche entrambe con il 19,1%, Sardegna con il 18,8% e Lazio con il 18,5%.

A livello provinciale l’artigianato nei settori a vocazione turistica rappresenta oltre un quinto del totale dell’artigianato del territorio in quattordici province: Prato (35,5%), Fermo (34,5%), Agrigento e Palermo (entrambe con il 24,4%), Napoli (23,9%), Firenze (23,4%), Arezzo (22,7%), Reggio Calabria (22,6%), Catania (22,5%), Caltanissetta (22,1%), Messina (21,9%), Siracusa (21,2%), Trapani (21,1%) e Caserta (21,0%).

 

 

(Fonte Confartigianato)

 

 

Categorie delle News


CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO p.iva 02351170168 - c.f. 80021250164 | Copyright ©

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per fornire alcuni servizi. Continuando la navigazione ne consentirai l'utilizzo. maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close