• Home    
  • PICCOLO È BELLO! FALSI MITI SULLE PMI...

La colpa della scarsa crescita dell’Italia viene attribuita alle dimensioni delle sue aziende. Ma sono proprio le Pmi a trainare il Made in Italy

 

Il mainstream secondo il quale alle radici della scarsa crescita dell’economia italiana vi sia un’alta presenza di piccole imprese si è rafforzato negli ultimi tempi. Sul fatto che ci sia una bassa crescita non ci sono dubbi: sulla base dei dati del Fondo Monetario Internazionale il Pil pro capite reale tra il 2007, prima dello scoppio della Grande crisi, e il 2022, dopo la recessione da Covid-19, in Italia scende dell’8% mentre in Francia sale del 6,7% e in Germania del 14,0%.

 

Ma sulle cause della stagnazione il caso della manifattura ci racconta una storia diversa: infatti, proprio l’Italia, con una più bassa dimensione media delle imprese (10 addetti medi per impresa) rispetto a Germania (media di 39 addetti) registra una maggiore crescita del valore aggiunto, segnando un + 7,8% tra 2015 e 2019, a fronte del +4,6% della Germania. La manifattura italiana, caratterizzata da una maggiore presenza di micro e piccole imprese, ha registrato tra il 2015 e il 2020 una crescita della produttività del 4,3% a fronte di un calo della Germania (-1,2%).

 

L’Italia è al primo posto nell’Unione europea per export diretto delle micro e piccole imprese manifatturiere, che ammonta a 60,0 miliardi di euro, pari al 3,4% del Pil, più che doppio rispetto all’1,6% della media Ue e ampiamente superiore all’1,0% della Germania. Il saldo del commercio estero – che contribuisce alla crescita del Pil – generato dalle micro e piccole imprese paga il 77,1% della bolletta energetica. Il successo della produzione italiana sui mercati esteri si fonda sulla vocazione all’innovazione e alla qualità e l’analisi degli ultimi dati resi disponibili dall’Istat evidenzia che il segmento maggiormente dinamico per spesa in ricerca e sviluppo è proprio quello delle piccole imprese, che segna un aumento annuo del 15,8%, più del doppio del +7,4% registrato dalla media delle imprese.

 

Nei quattro anni precedenti allo scoppio della crisi Covid-19, il 91,4% della crescita del valore aggiunto manifatturiero proviene dalle prime dieci regioni. Di queste, nove crescono più della Germania, mentre tre – Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia e Puglia – evidenziano un ritmo di crescita doppio della prima economia europea. In queste nove regioni la quota di addetti nelle micro e piccole imprese manifatturiere è pari al 54%, a fronte del 19,7% della manifattura tedesca. Le tre province leader della manifattura italiana – Modena, Vicenza e Reggio Emilia – realizzano, in media, un valore aggiunto della manifattura per abitante del 45% superiore a quello della Germania.

 

Altri quattro casi – esaminati in collaborazione con Licia Redolfi dell’Osservatorio MPI di Confartigianato Lombardia – stilizzano la forza dei territori caratterizzati dalla presenza diffusa di piccole imprese. In una classifica ibrida con i paesi dell’Unione europea il “quadrilatero manifatturiero” di Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia Romagna si colloca al quinto posto per export totale, dietro a Germania, Paesi Bassi, Francia, Belgio e davanti a importanti economie manifatturiere come quelle di Spagna, Polonia e Repubblica Ceca.

 

Le dodici province sull’”asse dei mobili” della pianura padana che comprende Udine, Pordenone, Venezia, Treviso, Padova, Vicenza, Verona, Brescia, Bergamo, Milano, Monza e Brianza e Como, nel loro complesso sono il terzo esportatore europeo di mobili, dietro a Polonia e Germania.

Il “triangolo dei macchinari” di Lombardia, Emilia-Romagna e Veneto concentra oltre i due terzi (68,8%) delle esportazioni italiane del settore. Nella classifica ibrida queste tre regioni si collocano al terzo posto nell’Unione europea con una quota del 9,9%, dietro alla Germania (34,8%) e seguendo da vicino i Paesi Bassi (10,6%), ma precedendo la Francia (6,7%), il Belgio (4,6%) e il resto dell’Italia (4,5%).

 

CLICCA QUI per leggere l’articolo completo

 

di Enrico Quintavalle, Responsabile dell’Ufficio Studi di Confartigianato

(Fonte: IlSussidiario.net)

 

  • Contenuto non disponibile
    Clicca qui oppure su "Accetto" nel banner in cima alla pagina per visualizzare correttamente

Categorie delle News

CONFARTIGIANATO IMPRESE BERGAMO p.iva 02351170168 - c.f. 80021250164 | Copyright ©

Su questo sito utilizziamo cookies tecnici per fornire le funzionalità del sito e vogliamo utilizzare anche cookies analitici di terza parte per analizzare il nostro traffico e cookies di profilazione che ci servono per personalizzare i contenuti e fornire le funzioni dei social media. Questi ultimi sono disattivati a meno che l’utente non ne accetti l’utilizzo. Per avere più informazioni CLICCA QUI. Se sei d’accordo con l’attivazione dei cookies analitici e di profilazione clicca sul bottone “Acconsento” qui di fianco. Maggiori informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close